Il prossimo 26 settembre torna la Notte Europea dei Ricercatori, l’evento di divulgazione organizzato dalla associazione Frascati Scienza e finanziato dall’Unione Europea allo scopo di avvicinare al mondo della scienza e della ricerca i cittadini comuni: dagli studenti ai giovani lavoratori, all’insegna di un’idea più aperta e dinamica del rapporto tra scienza e società. L’iniziativa giunge così alla sua nona edizione, segno evidente del successo crescente ottenuto nel corso degli anni, tanto da coinvolgere un numero sempre maggiore di persone in tutta Italia circa i grandi temi della ricerca e del futuro.

Tema di quest’anno è la “Sostenibilità“, concetto tanto complesso quanto attuale che pone la scienza in diretto confronto con problematiche di natura etica, sociale, economica e politica.  In un’epoca minacciata dal riscaldamento globale e dall’impoverimento delle risorse fossili ma allo stesso tempo proiettata verso le grandi sfide delle energie rinnovabili e della green economy, il tema della sostenibilità attraversa la nostra società nel suo complesso, ponendo costantemente al proprio vaglio i settori più disparati, dall’energia all’agricoltura, dall’industria all’urbanistica, dalla pesca alla vita quotidiana di ogni singolo individuo o nazione.

In questo contesto di minacce presenti e sfide future i ricercatori non possono esimersi da un confronto ed un dialogo costante con il resto della popolazione, allo scopo di, per usare le parole degli stessi organizzatori, “costruire gli strumenti che potranno rendere concreto questo futuro, più sostenibile e, quindi, più umano”.

La grande novità della nona edizione della Notte Europea dei Ricercatori sarà inoltre di natura geografica: infatti alle sedi di Roma e Frascati si sono aggiunte quelle di Trieste, Bologna, Milano, Ferrara, Catania, Bari, Cagliari, Pavia,e Pisa costituendo così a tutti gli effetti un evento di portata e rilevanza nazionali. Maggiori informazioni sull’evento possono essere trovate visitando la pagina apposita sul sito di Frascati Scienza nonché sui social network.

La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso e finanziato dalla Commissione Europea, coordinato e realizzato da Frascati Scienza in collaborazione con numerosi enti e istituzioni pubbliche e private tra cui l’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, il Comune di Frascati, il CNR, l’Osservatorio Astronomico di Roma, INAF-Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali, la Sapienza Università di Roma, l’Università Tor Vergata, l’Università Roma Tre ed il museo della comunicazione di Roma. 

Marcello Ienca

Marcello Ienca

Cresciuto tra le montagne abruzzesi, studia presso La Sapienza di Roma (BA) e alla Humboldt Universität di Berlino (MA), per poi trasferirsi grazie ad una borsa di ricerca alla New York University. Ora è dottorando di ricerca presso il King's College London (UK) e specializzando presso il Centro di Bioetica Medica dell'Università di Louvain (Belgio). Si occupa principalmente di filosofia della scienza, bioetica, neuroetica, filosofia della biologia e dei fondamenti teorici delle scienze cognitive. Ogni tanto privilegia l'emisfero destro del suo cervello e scrive di poesia e teatro. Parla italiano, tedesco, inglese e spagnolo.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Comments are closed.